Come donne di una certa età diventano Insta-Boomer star

E chi ha detto che su Instagram ci siano solo i giovani? In verità, esiste un piccolo ma nutrito gruppo di donne più anziane che usa il social media per sovvertire le norme culturali. Sono stilose, non sono timorose di esporsi, e hanno dato vita a una nuova narrativa pro-invecchiamento assai coinvolgente per le coetanee.

I Baby Boomer sono venuti al mondo tra il 1945 e il 1960. Il nome dice tutto: hanno vissuto nel pieno del boom economico e demografico. Anni importanti, quelli delle grandi rivoluzioni e della cultura hippie. Sul web molti di loro sono fruitori di contenuti consapevoli. Sono soprattutto su Facebook; tendenzialmente il loro comportamento è voyeuristico. Ma, c’è sempre un ma. Già, perché alcune signore sono piuttosto attive, invece. E su Instagram.

Gli studi ci dimostrano come le persone anziane in tutto il mondo siano più felici, più sane e più soddisfatte della vita che mai. I motivi sono numerosi: maggiore mobilità, fiducia, ricchezza e anche all’aumento della tecnologia digitale a disposizione. Per dare qualche numero, negli Stati Uniti il 64% di chi ha tra i 50 ei 64 anni (e il 37% degli over 65) sono attivi sui social media. in qualche modo, a essere ridefinito è il modo in cui si invecchia, e il modo in cui si rappresenta questo inevitabile processo. Date un’occhiata a Lyn Slater, per esempio.

Oltre 570.000 follower, 64 anni portati magistralmente, e un tono di voce affabile.

E come lei, le colleghe Jan Correll dal South Carolina (il suo claim è Silver is the New Blonde!) e l’australiana Mel Brady. Un esercito che racconta storie della loro quotidianità, del loro essere belle signore libere proprio grazie all’avanzare dell’età e immuni rispetto ai giudizi altrui. Queste donne hanno dato un colpo di spugna alle regole non scritte di come gli anziani dovrebbero confrontarsi con l’esposizione sui social media, arrivando a indossare senza problemi anche la lingerie.

Tempo fa un articolo del New York Times ha rivelato come alcune di loro abbia collaborato come influencer per brand famosi, sia di moda che farmaceutici. White Hot ne è un esempio. Come novelle Chiara Ferragni, anche queste signore sono imprenditrici digitali, che possono fare leva sulla propria base di follower, accettare inviti e beauty box da testare. Che sia qui il nuovo business?

Bonus track.
Una buona lettura sui temi cari a queste nuove star: Sixty&me.